INFLUENCED_Run NYC Marathon with almostthere

 

 

 

 

 

 

 

La Maratona è un virus.

E un virus per il contagio ha bisogno dei suoi vettori.

E vettori sono i maratoneti che con la loro ostinazione, minano pian piano le resistenze immunitarie di chi con la vicinanza si fa contagiare.

 

Alcuni da questo contagio guariscono, altri no, e cominciano a loro volta a contagiarne altri.

Senza dati precisi alla mano, ma giusto per capirci: nel 1914 è lecito stimare che abbiano concluso una Maratona non più di qualche centinaio di persone. Cento anni dopo, nel 2014, solo negli Stati Uniti sono stati 590.399 i “finishers”. In Italia oltre 38.000. Il contagio ha assunto ormai dimensioni sbalorditive.

 

Chi ha corso una Maratona, ricorda perfettamente da chi sia stato contagiato. Perché è un ricordo indelebile, un file protetto. Questi ricordi sono appresi e rielaborati in parte per via verbale e in parte mediante altri sistemi simbolici, nonché tramite l’imitazione e la “citazione”.

 

 

Mettendo da parte le metafore, il vocabolario della lingua inglese alla parola influence attribuisce un significato :

“the capacity or power of persons or things to be a compelling force on, or produce effects on the actions, behavior, opinions of others”

 

Un significato perfetto per descrivere la dinamica di relazione che si intreccia tra chi corre una Maratona e chi ne resta influenced

 

A noi di almostthere è sempre interessato il giusto soffermarsi sugli aspetti tecnici e di performance dello sport. Molto di più, semmai, ci cattura il cercare di capire cosa lo sport riesca a muovere, NELLE e TRA le persone. Aspettarsi diversi risultati, è uno dei quote che meglio sintetizza il “credo” di almostthere.

 

Da qui è partita l’idea di INFLUENCED. Una “campagna”, direbbero i pubblicitari. Uno storytelling per immagini e parole, preferiamo dire noi.

 

L’idea è stata quella di mettere in luce, è il caso di dire, le persone e quel pensiero ricorrente che in ogni maratoneta diventa una sorta di mantra, che accompagna ogni passo, ogni allenamento, ogni gara.

 

In primo piano abbiamo voluto i volti, gli sguardi, che scrivono come un gessetto su un fondo scuro – quasi una lavagna – poche e semplici parole di ispirazione, di chi influenza, per chi è influenzato.

 

Ogni influencer ha scelto le sue parole “magiche”, e il suo “influenced”.

Marco Craig ha progettato e scattato le fotografie.

 

Scavando nei ricordi remoti di gare trasmesse su TV in bianco e nero, spesso in differita, riemergono nitide, le immagini epiche di Maratoneti eroici, inavvicinabili, di grandezza quasi impossibile da misurare.

 

I “piccoli” maratoneti in queste fotografie, e le loro piccole storie per molti influenced non sono meno grandi di quei campioni.

 

Il contagio continua.

influenced_1_blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *